Il lavoro invisibile di Opti Digital: 5 ottimizzazioni essenziali che facciamo per voi

Alla Opti Digital, ci sono le ottimizzazioni di cui siete a conoscenza, che si tratti di test A/B o di migliori prassi implementate su tutto il vostro inventario: aggiornamento automatico degli annunci e inserimento dinamico degli stessi nel corpo degli articoli… E poi ci sono le azioni che compiamo quotidianamente, che probabilmente non sapete che esistano, ma che offrono grandi risultati. 

Ecco 5 ottimizzazioni che mettiamo in atto per voi e che monitoriamo e adattiamo, costantemente in base ai risultati che offrono, per garantire che la vostra monetizzazione sia sempre ottimale.

Ci assicuriamo che siate sempre all’avanguardia della tecnologia!

Abbiamo pensato di aggiornare la nostra soluzione di Header Bidding, Prebid, che potrete utilizzare non appena sarà disponibile una nuova versione. L’ultima è stata effettuata il 30/11/2020: Prebid 4.17.0. 

Sempre nell’ottica di migliorare il vostro fatturato, realizziamo regolarmente riscontri con Google per conoscere le nuove funzionalità dell’Ad Server, sfruttando appieno tutte le sue caratteristiche e risolvendo eventuali problemi. Ad esempio: sostituzione dei prezzi base precedentemente configurati con protezioni adeguate al fine di bloccare la visualizzazione degli annunci su determinate pagine o la selezione di partner tecnologici per la richiesta del consenso, ecc.

Seguiamo la partecipazione dei nostri partner commerciali al vostro inventario

Facciamo in modo che tutti i nostri partner di domanda partecipino il più possibile alle aste su tutti i vostri spazi pubblicitari e che possiate beneficiare di tutti i formati e tipi di media che hanno da offrire.

Aggiorniamo regolarmente i file Ads.txt dei nostri partner per registrare l’aggiunta di nuovi elementi. 

Ogni volta che vengono rilasciati nuovi formati, li testiamo per analizzarne il valore aggiunto.

Poi, correggiamo qualsiasi problema di visualizzazione della pubblicità con Just Premium quando il design del sito è danneggiato o anche Triplelift quando la pubblicità viene visualizzata sopra il contenuto dei media.

Leggere: Perché i posizionamenti di annunci sarebbero importanti nella vostra strategia di monetizzazione?

Vi aiutiamo a rispettare il GDPR

Per quanto riguarda il quadro giuridico, sincronizziamo i tag pubblicitari con la vostra CMP (Piattaforma di gestione del consenso). Attendiamo la risposta dell’utente all’interno della CMP e poi mettiamo a disposizione dei partner commerciali le stringhe di consenso. E interagiamo regolarmente con i vostri fornitori di CMP per ottimizzare il vostro tasso di consenso. 

Da novembre abbiamo sincronizzato completamente i tag di Google Ad Manager con la CMP per non chiamare il Google Ad Server quando l’utente di Internet si oppone alla pubblicità mirata.

Negli ultimi due mesi abbiamo svolto attività di ricerca e sviluppo per mettere a punto soluzioni pubblicitarie che funzionino senza cookie, al fine di compensare il deficit legato al rifiuto della pubblicità mirata.

Misuriamo il valore aggiunto di tutti i partner commerciali

Dedichiamo del tempo a confrontarci regolarmente con i partner di domanda per capire il loro pieno potenziale e correggere eventuali problemi. Identifichiamo le dimensioni migliori da configurare nelle Richieste di offerta per beneficiare di tutte le richieste degli inserzionisti. Inoltre, riceviamo un’anteprima della richiesta originale di SSP in Beta.

Ogni mese testiamo nuovi partner per misurare il loro valore incrementale. Questo bidder migliora il tasso di riempimento? Partecipano spesso alle aste? Il tuo RPM pagina è in aumento? Analizziamo i risultati utilizzando il nostro strumento di test A/B e prendiamo una decisione consapevole.

Adeguiamo costantemente i vostri prezzi base in base a diversi criteri

Adattiamo i vostri prezzi base in base alla stagionalità, ai cambiamenti della domanda o all’area geografica in cui si trova il vostro traffico, affinché abbiate il più alto RPM pagina possibile.

Per trovare la soluzione giusta e massimizzare le entrate per ogni mille pagine viste, testiamo manualmente i prezzi base in più campioni e misuriamo i risultati. Eseguiamo ulteriori test di prezzo base direttamente con gli SSP per massimizzare la loro spesa nei nostri siti.

Lavoriamo quotidianamente per offrirvi le soluzioni più innovative e garantirvi così i migliori risultati possibili affinché la vostra monetizzazione sia ottimale nel rispetto dei vostri obiettivi. Questa è la nostra priorità

Domande sulla vostra monetizzazione? Siamo qui per aiutare. Potete scriverci proprio qui, contattarci via e-mail all’indirizzo: hello@optidigital.como chiamarci al numero: +33 6 29 944 977.

Come utilizzare con successo l’header bidding su AMP del TCF 2.0? Analisi dei media di FUTURA

Dopo diversi mesi di lavoro, gli ingegneri di Opti Digital hanno sviluppato una soluzione che combina il nostro Prebid Server e la Configurazione in tempo reale (RTC, la soluzione di offerta Header bidding nativa di AMP). Questa innovazione consente di trovare nell’ambiente AMP (Accelerated Mobile Pages) la stessa concorrenza tra i bidder che si riscontra negli inventari pubblicitari Web e stimola in modo efficace i tassi di CPM di Google AdExchange e Open Bidding.

I primi risultati sono eccellenti in tutti i media che hanno adottato questa soluzione: i prodotti invenduti stanno crollando e l’RPM pagina netto del publisher aumenta in media del 50%.

Abbiamo deciso di condividere con voi i risultati impressionanti osservati in un media che sosteniamo:

Media di FUTURA 

https://www.optidigital.com/wp-content/uploads/2020/09/Futura-logo.jpg

Fondata nel 2001 da Guillaume JOSSE, Futura è il media di riferimento per le innovazioni scientifiche e tecnologiche (tra i primi 20 media francofoni, 20 milioni di sessioni al mese). Strutturata su 5 ambienti (scienza, salute, tecnologia, pianeta, casa), Futura offre contenuti giornalistici sulla decodifica in vari formati (notizie, file, video, ecc.) destinati a utenti di Internet curiosi e desiderosi di sviluppare le loro conoscenze.

Sosteniamo il publisher Futura dalla primavera del 2019: le nostre tecnologie avanzate, la nostra strategia sistematica di test A/B e l’analisi precisa dei rendimenti dei media hanno consentito di ottimizzare la redditività dei media su più formati sul sito e sull’ambiente AMP (Accelerated Mobile Pages). 

Questi inventari pubblicitari unici soddisfano i criteri di qualità ricercati dagli inserzionisti: il tasso medio di visibilità è vicino al 60% (73% sull’AMP) e il tasso medio di click-through è dello 0,55%. 

L’introduzione dell’header bidding è una delle innovazioni più recenti finora introdotte nell’ambiente AMP di Futura. Si è svolto in due fasi: la connessione del Prebid Server in TCF 1.0, quindi l’aggiunta di nuovi partner commerciali dopo il passaggio al TCF 2.0.

Il rendimento dell’header bidding sull’AMP 

Ecco i risultati osservati nell’ambiente AMP: 

  • Nel mese di maggio 2020, prima dell’attuazione dell’header bidding, quando i francesi erano a malapena usciti dal lockdown, il tasso di invenduto era alto e l’eCPM abbastanza bassa.
  • Nel mese di luglio 2020, dopo l’introduzione dell’header bidding, i nuovi partner commerciali collegati hanno abbassato il tasso di invenduto e l’eCPM è aumentata.
  • A settembre 2020, dopo aver collegato più partner programmatici nell’header bidding e aver effettuato numerose ottimizzazioni (tra cui la migrazione al TCF 2.0) il tasso di invenduto è stato dimezzato e l’eCPM è raddoppiata.
 Tasso di invendutoInventario ePCM
AMP con header biddingDiviso per 2,2Moltiplicato per 2,1
Evoluzione della redditività programmatica dei media Futura sull’AMP

Definizioni: 

Tasso di invenduto = numero di impressioni invendute sul totale delle impressioni disponibili (vendute e invendute)

Inventario eCPM = fatturato realizzato per 1000 impressioni disponibili (vendute e invendute). Questo è l’indicatore chiave da seguire per monitorare gli effetti delle ottimizzazioni perché include anche gli inventari invenduti nell’analisi. 

Così, grazie all’integrazione di Prebid Server, il publisher ha realizzato un voucher di redditività del 210% sull’inventario AMP.  

Prebid Server genera così quasi la metà dei ricavi programmatici e apre un percorso efficiente verso un ambiente qualitativo e nuovo per gli inserzionisti. Gli spazi pubblicitari del sito Futura-sciences.com sono ora accessibili ai marchi, in particolare mediante Media Square e Gravity.

Ripartizione dei ricavi generati su AMP per tipologia di richiesta (settembre 2020)

Risultati confermati dal passaggio al TCF 2.0

La nostra soluzione permette di trovare su AMP la stessa concorrenza tra gli offerenti come sugli inventari Web e di stimolare efficacemente i CPM di Google AdExchange. Lo stesso fenomeno si osserva quando è presente anche l’Open Bidding.

Siamo orgogliosi di poter condividere con voi questi eccellenti risultati che vediamo in tutti i publisher per i quali abbiamo collegato questa soluzione nell’ambiente AMP.

Le buone prestazioni della nostra configurazione ottimizzata per l’ambiente AMP con Prebid Server sono state confermate dal passaggio a Transparency and Consent Framework 2.0 di IAB.

3 consigli per un’integrazione positiva dell’header bidding in AMP:

  1. Una Piattaforma di gestione del consenso compatibile (CMP) 

Per poter impostare l’header bidding in ambiente AMP, il publisher deve selezionare una CMP compatibile al fine di raccogliere i consensi per la pubblicità mirata. Tra gli strumenti compatibili, menzioniamo Didomi, Sirdata o SFBX.

  1. Misurazione del valore incrementale di ogni offerente

Diversi offerenti o partner di vendita sono ora compatibili con l’ambiente AMP e l’integrazione tramite Prebid Server. Per garantire una rapida visualizzazione degli annunci, è necessario selezionare quelli che forniscono valore aggiunto misurando l’inventario eCPM e l’RPM pagina nello stesso periodo, distribuendo questo bidder su un campione di pubblico di prova

  1. Riadattamento dei prezzi base

Non ha senso mantenere alti i prezzi base in un ambiente così tormentato. La concorrenza tra i bidder incrementa meccanicamente i CPM e crea un prezzo base dinamico. 

Ottimizzazione dei ricavi pubblicitari con Opti Digital

Alla Opti Digital, mobilitiamo la nostra esperienza e le nostre soluzioni tecniche per migliorare costantemente i ricavi dei media che supportiamo. 

Contattateci per saperne di più sul nostro supporto e collaudare le nostre soluzioni di header bidding sul vostro inventario AMP.

Contatto di Opti Digital:

Magali QUENTEL-REME
Co-fondatrice e CEO
E-mail: magali@optidigital.com
Tel: (+33) 6 29 94 49 77

Pubblicità su Futura

Futura è il media di riferimento per le innovazioni scientifiche e tecnologiche (tra i primi 20 media francofoni, 20 milioni di sessioni al mese). Offriamo ai nostri partner sistemi di comunicazione diversificati e innovativi, dedicati all’ambiente di ciascuna marca.

Contatto di Futura:

Guillaume JOSSE
Reparto di consulenza
E-mail: conseil@fsteam.fr
Tel: (+33) 4 22 47 05 09

La covid-19 e la pubblicità sui media: come limitare i danni?

covid19 publicité média

Barometro: gli effetti della Covid-19 sulleCPM

Molti di voi vogliono sapere se il calo di eCPM riscontrato sul proprio sito è comune in tutto il mercato e cosa sta avvenendo con gli altri media. Mind Media e Adomik hanno di recente pubblicato un barometro: hanno registrato una diminuzione del fatturato programmatico del -47% in un mese. Questa è la nostra analisi: nessun media è stato risparmiato dalla crisi.

Nonostante la solidità della nostra configurazione, che garantisce eccellenti tassi di visibilità, un’intensa concorrenza per quanto riguarda gli header bidding e una pressione pubblicitaria controllata, gli eCPM delle aste aperte sui media da noi sostenuti sono notevolmente diminuite:

  • Prima della crisi, nel mese di febbraio in Francia, per un tasso di visibilità medio del 66%, il nostro eCPM medio sui formati di visualizzazione IAB era di 1,48 euro.
  • Nel mese di marzo, per un tasso di visibilità medio equivalente, l’eCPM era sceso del 21% a 1,17 euro.
  • Ad aprile (fino al giorno 26), l’eCPM medio è sceso ulteriormente a 0,88 euro, un calo del 25% rispetto a marzo.

I fenomeni che hanno portato al calo degli eCPM

Dal 16 marzo, data di inizio delle misure di contenimento, la redditività della pubblicità è diminuita per tre motivi:

Il primo è che gli inserzionisti hanno sospeso i loro investimenti pubblicitari.
Questo vale principalmente per le campagne con accordi negoziati. Per quanto riguarda le aste aperte programmatiche, abbiamo osservato un forte calo della domanda di inserzionisti.

Alcuni settori come quelli dei beni di lusso, quello automobilistico o del turismo sono stati particolarmente colpiti. Non è diminuito solo il budget degli inserzionisti, ma anche l’interesse degli utenti di Internet. Uno dei nostri editori nel settore turistico ha visto diminuire il suo pubblico e il suo eCPM, e il suo fatturato di marzo 2020 si è ridotto ad apena il 27% di quello realizzato a febbraio.

La seconda ragione: molti editori hanno visto aumentare il loro pubblico, i francesi si sono rivolti all’informazione e all’intrattenimento online, trascurando la carta stampata.

L’ultimo motivo è quello di cercare la sicurezza del marchio: gli inserzionisti hanno ampliato la loro lista nera inserendo parole chiave relative ai coronavirus. Diversi inserzionisti hanno così escluso i contenuti riguardanti la Covid-19 utilizzando strumenti come IAS. Un altro caso osservato su un forum: per evitare la diffusione di annunci accanto a notizie false (e per estensione, combattere la diffusione di informazioni false), i robot di Google hanno avvertito l’editore che ha dovuto correggere il contenuto del suo sito, altrimenti sarebbe stato penalizzato dal motore di ricerca.

Meno domanda per un maggiore inventario pubblicitario. Il calo della concorrenza tra gli inserzionisti si è tradotto in una diminuzione dei prezzi e in un aumento dei beni invenduti.

Quali soluzioni consigliamo per limitare i danni?

In primo luogo, quando i prezzi minimi erano aggressivi, li abbiamo adeguati per ridurre la quota di scorte invendute.

In secondo luogo, abbiamo anche stabilito nuove partnership programmatiche con fornitori come TripleLift, Pubmatic e Rich Audience, che portano una domanda originale, aumentano la concorrenza nell’header bidding e stimolano i CPM.

In terzo luogo, è un buon momento per lavorare su altre ottimizzazioni, come l’adeguamento degli spazi pubblicitari per accrescere la visibilità. Nei pannelli di controllo dei nostri editori abbiamo identificato gli spazi che hanno ridotto la visibilità media del sito. Abbiamo quindi trasferito questi annunci o modificato i parametri del caricamento tardivo per raggiungere una maggiore visibilità media e adeguare i siti alle campagne più redditizie.

Infine, il telelavoro può aiutare a concentrare lattenzione su argomenti sostanziali come l’osservanza del GDPR. Google sta per integrare la V2 del Quadro di riferimento per la trasparenza e il consenso dell’IAB. Nel corso delle ultime settimane, Google ha chiesto ad alcuni editori di rispettare le proprie politiche sulla privacy, utilizzando una Piattaforma di gestione del consenso (CMP) che invia all’utente di Internet un valido consenso alla pubblicità mirata.

Anche se il momento può sembrare scelto male dal colosso, le nostre analisi confermano l’effetto positivo di un valido consenso sugli eCPM Supportiamo quindi gli editori nella configurazione della loro CMP ottimizzando il tasso di consenso valido sul Web e su AMP, migliorando le offerte ricevute.

Speriamo che gli investimenti pubblicitari aumentino di nuovo nel prossimo futuro. Probabilmente riprenderanno gradualmente, man mano che la nostra vita tornerà alla normalità, anche se gli effetti della crisi economica si faranno sentire per molto tempo.

Fino alla fine del confino, rimaniamo a disposizione per sostenervi in questi vari miglioramenti e prepararvi al futuro.

Prendetevi cura di voi stessi e dei vostri cari. Rimanete a casa